Alla ricerca dei sapori romani

La cucina romana è una delle più antiche e saporite della nostra bella penisola. Tra amatriciana, carbonara e cacio e pepe, il menu si può considerare bello che pronto. Cosa succederebbe, però, se per un attimo ci allontanassimo da questi must per scoprire nuove pietanze meno conosciute? Ecco, quindi, tre piatti tipici che dovrete assolutamente assaggiare durante la vostra prossima visita nella capitale.

“Buonissima questa pasta, con cosa è condita?” , “Finisci de magnà che poi to dico…”. Questa è la scena tipica di quando a tavola ci sono un romano e un forestiero e viene ordinata la pajata. Questo per dimostrare che, ancora oggi, il povero Quinto Quarto subisce tanti pregiudizi da parte delle persone che, se sanno cosa c’è nel piatto non lo assaggiano manco sotto le peggiori torture, ma se non lo sanno sicuramente lo apprezzeranno.

La vignarola e un piatto primaverile a base di: piselli freschi, cipollotti e fave. All’apparenza può sembrare una ricetta leggera, ma non è così. Alla ricetta, infatti, viene aggiunto il guanciale e il pecorino. Vi consigliamo, se non siete astemi, di abbinare questo piatto con uno dei vini tipici romani.

Come dolce vi consigliamo di assaggiare il Bignè di San Giuseppe. Dolce costituito da pochi ingredienti: acqua, uova, farina e lievito. L’impasto viene poi fritto nell’olio bollente e, solo dopo, viene riempito con la crema. Questo dolce lo si può considerare, forse, uno fra i preferiti per i romani.

E tu, quale di questi piatti assaggeresti? Faccelo sapere con un commento!


Bar e ristoranti consigliati:

Il Palazzetto Cocktail & Wine Bar: è un meraviglioso edificio, del 1800, che si affaccia sulla scalinata di Piazza di Spagna. Questo bar offre, oltre ai suoi cocktails, due incantevoli terrazze panoramiche che renderanno uniche le vostre vacanze!

Ristorante Tema: situato nel Rione Monti – quartiere più antico di Roma – offre il meglio della cucina romana. Le specialità di questo ristorante spaziano dalle ricette a base di carne ai piatti a base di pesce. Quindi, se capitate a Roma, non potete non passare di qui e non provare il rombo al tartufo, una delle specialità della casa.

Ristorante 433: avete appena finito la vostra escursione al Castel Sant’Angelo e avete un certo appetito? A 8 minuti da li, vi consigliamo questo ristorante! Qui, ci sentiamo di consigliarvi i tagliolini al tartufo e i tonnarelli cacio e pepe.

6 pensieri riguardo “Alla ricerca dei sapori romani

  1. Quando vado a Roma il mio primo pensiero è la caio e pepe. Anche alle dieci di mattina Si insinua dentro di me la voglia di addentare uno spaghetto legato con questa deliziosa cremina.

    Piace a 1 persona

  2. quando sono a Roma la mia tappa fissa è Trastevere. Li mangio una delle carbonare più buone mai preparate. Ma anche la cacio e pepe è nella lista dei miei piatti preferiti. La pignarola la facciamo anche qui a Gaeta, ma siamo poco distanti dalla capitale quindi sicuramente è un piatto che si fa molto in zona .

    Piace a 1 persona

  3. Proprio a Luglio dello scorso anno io e il mio compagno abbiamo compiuto un tour enogastronomico dei Castelli Romani. Dieci giorni dedicati a sapori intensi che non vediamo l’ora di poter riscoprire e fare nostri.

    Piace a 1 persona

  4. Io voglio il Bignè di San Giuseppe, ma tipo adesso, subito! Mamma mia, mi hai fatto venire una voglia, con tutta quella crema. E invece vivo in Francia e mi devo accontentare dei croissants senza crema, senza marmellata, senza niente, senza vita. 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...